Vittoria Risi: dal porno alla pittura, passando per Baudelaire